Vicenza, il punto sul mercato: Gucher ad un passo. Ebagua invece…

Dopo aver chiuso il 2016 nel migliore dei modi, il Vicenza cerca di proseguire la sua striscia positiva anche nell’anno nuovo. Per farlo, però, servono innesti di qualità per rafforzare la rosa e concedere maggior turnover a mister Bisoli. I nomi accostati ai Berici sono molti, sia in entrata che in uscita, ma il tecnico biancorosso avvisa: “Questi 15-16 che si stanno allenando sono miei giocatori, ho chiesto alla società di non toccarli. A meno che non ci siano offerte importanti, perché questi ragazzi sono importantissimi. Non sono merce di scambio di poco conto, ma sono un grande gruppo”.

MERCATO IN ENTRATA

Questo grande gruppo è pronto ad accogliere il primo colpo di mercato della società biancorossa. Stiamo parlando di Robert Gucher, mediano classe ’91 del Frosinone. L’austriaco ha rifiutato il lauto ingaggio che gli avrebbe garantito l’Avellino per 6 mesi – quasi 150 mila euro – per sposare il progetto del Vicenza. L’accordo tra le due parti, stando a quanto riportato da alfredopedullà.com, è arrivato ieri sera sulla base del prestito. Ora si attende solamente l’ufficialità e la firma del contratto. Per quanto riguarda, invece, il reparto avanzato, la pista Ebagua si è complicata notevolmente. La Pro Vercelli vuole, infatti, rescindere il contratto triennale al calciatore, mentre la società berica chiederebbe il prestito. Qualora non ci dovessero essere esiti positivi, i biancorossi vireranno su Giacomo Berreta, classe 92′ di proprietà del Milan ma attualmente all’Entella. Su di lui, pero, c’è anche il forte interesse del Trapani. 

MERCATO IN USCITA 

Per quanto riguarda il mercato in uscita, invece, il Vicenza deve preoccuparsi. Dopo aver ceduto Matteo Di Piazza al Foggia senza porre resistenza, i biancorossi devono tutelarsi dall’assalto del Palermo su Giuseppe Rizzo. Il centrocampista classe ’91, di proprietà del Perugia, è una delle colonne portanti della rosa di Bisoli e la sua partenza scombussolerebbe notevolmente gli equilibri in campo. I berici, dunque, tenteranno il tutto per tutto per trattenere con loro il 26enne sino a giugno. Per quanto riguarda invece Cristian Zaccardo, più volte considerato partente, il tecnico biancorosso ha tranquillizzato i tifosi così: “Non ci sono problemi, penso che resterà”.

 

 

 

 
Classe ’94. Vengo da Longa, paesino in provincia di Vicenza.
Amo follemente il calcio, quello puro, il cui massimo esponente – secondo il mio parere – è stato Roberto Baggio, figura che mi ha fatto innamorare di questo magnifico sport. Scrivo per ridonare, nel mio piccolo, i valori morali per cui il calcio è nato e che via via, purtroppo, stanno scemando.

Commenta per primo

Lascia un commento