Kondogbia, questa volta abbiamo saputo aspettarti

Quella di Geoffrey Kondogbia è stata l’assoluta rivelazione del Sabato con il francese che ha sfornato la migliore prestazione della sua avventura nerazzura, che per tanti motivi sembrava destinata a spegnersi prima del previsto. Eppure, stranamente, questa volta il nostro calcio ha saputo aspettare un giocatore che necessitava di serenità e di persone che gli dessero fiducia, trovando in primis un grande Stefano Pioli.

MAI ESSERE FRETTOLOSI

I giudizi avventati sono purtroppo una peculiarità della Serie A, che ha perso dei grandi calciatori in malo modo per alcune partite sottotono e più di qualche mugugno dei tifosi. Aspettare è una virtù di pochi e forse questa volta abbiamo avuto la prova che aspettare premia. La strada di Kondogbia sembrava aver imboccato gli stessi binari di Shaqiri, ma l’Inter, presa da altri problemi più che dall’organico, si è ritrovata ieri un gran centrocampista in rosa, che potrebbe aspirare ad essere un titolare. Eppure il francese non si è inventato assolutamente nulla: con un grande Gagliardini al suo fianco,in questo 4-2-3-1 dove era libero dai pesanti ed inutili giochi di regia che mai ha dovuto compiere in carriera, ha giocato come Siviglia e Monaco lo avevano consegnato al grande calcio, con una grandissima fase d’uscita del pallone condita da una buona falcata, sintomo di forma fisica ritrovata, ed appoggi illuminanti ma mai arzigogolati.

CAMBIANO LE GERARCHIE NERAZZURRE? 

Frettolosità e giudizi avventati in questo caso preferiamo evitarli. Kondogbia ha giocato una partita di livello, e l’Inter ha ritrovato un grande centrocampista. Ma la concorrenza è lunga, il campionato anche e le cose da affinare sono tante. Con pazienza e costanza, quella che ieri ha dimostrato Pioli e che poi ha saputo iniettare nella squadra, ci si toglierà delle grandi soddisfazioni.

 

 

 

 

Italiano attualmente in Spagna, a Siviglia. Cerco di seguire tutto quello che succede intorno al mondo del calcio, una mia passione innata. Unire le mie diverse esperienze e i miei viaggi con il pallone è qualcosa che mi riesce al meglio e che provo a mettere nelle mie parole.

Commenta per primo

Lascia un commento