ESCLUSIVA CM24/7 – Massimo Varini (DS Pro Vercelli): “Il ritorno sarà un altro campionato. E su Comi…”

Ad una settimana dalla ripresa della Serie B ecco le parole – in esclusiva per Calciomercato 24/7 – di Massimo Varini, DS della Pro Vercelli.

Attualmente occupate la sedicesima casella in classifica e nell’ultima sfida dell’anno avete battuto con grande sorpresa la seconda della classe, il Frosinone, 2 a 0. Al giro di boa quali sono le vostre aspettative per la seconda metà del campionato?

“Speriamo di fare meglio (ride, ndr). La speranza è chiaramente sempre quella di fare meglio, poi sappiamo perfettamente che il girone di ritorno è un altro campionato, c’è stata la sosta lunga, parecchie squadre hanno cambiato organico e sarà quindi un campionato totalmente diverso, però ecco, siamo convinti di poter fare bene.”

A proposito di accorgimenti all’organico, avete appena cambiato attaccante, ceduto Ebagua e acquistato Comi. Da quest’ultimo che tipo di rendimento si aspetta?

“Abbiamo fatto una scelta di impeto, convinti che ci possa dare tanto, il ragazzo ha grande voglia.”

Per quanto riguarda Ebagua invece? 

“La storia di Ebagua era finita, fa parte del gioco. Probabilmente un po’ lui non si è adattato al nostro ambiente, un po’ noi non ci siamo adattati a lui e, quando è così, bisogna avere la serenità di prendere la decisione di lasciarsi. Sono convinto che farà benissimo a Vicenza, perché è un giocatore forte per la categoria.”

Ci sono possibilità di un ritorno a giugno?

“È in prestito, è un giocatore nostro. A giugno vedremo cosa succederà, intanto questi mesi li passerà a Vicenza, sperando che faccia bene. Per noi e soprattutto per lui.”

Tornando al calciomercato, argomento di attualità in questo periodo, farete interventi dopo Comi?

“Qualcos’altro faremo, ma intanto dobbiamo anche pensare alle uscite. Adesso un acquisto sarà fatto, mentre le operazioni successive saranno legate poi tutte alle cessioni.”

Avete intenzione di intervenire in qualche zona di campo in particolare?

“Probabilmente prenderemo un esterno che potrà fare anche la seconda punta e dopo, se sarà possibile, interverremo in mezzo al campo.”

Nomi possibili?

“Di possibile c’è tutto e non c’è niente. Dobbiamo anche chiaramente fare attenzione, le nostre scelte devono essere molto ponderate perché abbiamo un target. Non possiamo guardare tutti, possiamo certamente arrivare ad alcuni giocatori e ad altri no. Abbiamo dei limiti a cui dobbiamo tenere conto.”

Nato a Milano il 06/10/1996. Studio Linguaggi dei Media presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Amo il calcio in tutte le sue sfumature e declinazioni, lo gioco, lo guardo, lo racconto, o almeno ci provo.

Commenta per primo

Lascia un commento