I top/flop della settimana!

Ritorniamo di gran carriera con la top 5 dei top e dei flop della settimana, con qualche novità importante in arrivo anche dalla Coppa d’Africa e dal Sanchez Pizjuan di Siviglia, in un weekend frenetico e sorprendente allo stesso tempo.

I TOP

Jorge Sampaoli

E’ arrivato in Europa quasi per caso, in silenzio, e ci sta stupendo tutti per gioco e voglia di vincere. A Siviglia, nonostante i tantissimi grandi risultati degli ultimi anni, era da tempo immemore che non si sognava di lottare per la Liga. L’argentino ha portato le sue idee e le ha messe sul terreno, frutto di tante intuizioni azzeccate.

Lo Zimbabwe

Arrivata alla Coppa d’Africa come una delle tante squadra materasso, ha dimostrato di saper fare un bel calcio con degli elementi qualitativamente molto validi. L’Algeria lo acciuffa nel finale, ma lo Zimbabwe avrebbe meritato un altro destino. Una lezione per tutti.

Marcos Alonso

Un altro giocatore rispetto al novello arrivato alla Fiorentina dal Bolton. Si sta esaltando con il gioco di Conte ed al momento è una degli esterni sinistri più in palla della stagione, senza dimenticare la doppietta messa a segno contro il Leicester questo Sabato.

I tifosi dei Rangers

Giunti in 5.000 in una trasferta per un’amichevole a Lipsia, gli scozzesi ci hanno saputo stupire un’altra volta. Climi del genere e dimostrazioni di attaccamento alla maglia degne di una squadra del sudamerica.

Zlatan Ibrahimovic

Capace di zittire tutti un’altra volta, evita a Mourinho e Pogba la figuraccia con un gol semplice da vedersi ma difficile a compiersi. Sembra davvero essere una fenice.

FLOP 

Pep Guardiola

Seconda volta in questa graduatoria per Guardiola che evidentemente a Manchester non se la sta passando bene. Saremmo esagerati se dicessimo che la pioggia inglese gli sta tarpando le ali, ma di fatto ieri, perdendo malamente con l’Everton, ha forse salutato la Premier.

Il Marsiglia

Contro il Monaco, perdendo per ben 1-4, sono tornati a galla tutti i problemi di 40 giorni fa, proprio adesso che il Marsiglia sembrava una squadra in ripresa. Il gap è tanto e ci sarà molto lavoro da fare, Rudi Garcia è avvisato.

L’Algeria

Per contrapposizione allo Zimbabwe che ci ha fatto sognare gli algerini hanno vissuto un incubo. Passare da squadra favorita a delusione è una linea molto sottile da valicare, ecco perché per il momento i Fennecs restano un flop.

Claudio Ranieri

Questa volta ci entra anche il nostro Claudio nazionale. La questione non è perdere una partita, ma il modo in cui la si perde. Oltre alla freschezza fisica, il Leicester ha perso un po’ di convinzione e di spirito nell’aiutare tutti, forse perché i nuovi non hanno assorbito dai vecchi. Ma la Premier gioca brutti scherzi, e sir Ranieri lo sa.

Il Nizza

Partita soporifera ieri contro il Metz, la lanterna rossa del campionato. Ha dimostrato di essere troppo dipendente da 3 calciatori: Balotelli, Seri, Belhanda. Per vincere una Ligue 1 forse non è sufficente.

 

 

 

 

Italiano attualmente in Spagna, a Siviglia. Cerco di seguire tutto quello che succede intorno al mondo del calcio, una mia passione innata. Unire le mie diverse esperienze e i miei viaggi con il pallone è qualcosa che mi riesce al meglio e che provo a mettere nelle mie parole.

Commenta per primo

Lascia un commento