ESCLUSIVA CM24/7 – Moreno Torricelli: “Difficile sostituire Kalinic, si può puntare su Babacar. Chiesa è la sorpresa di questa Fiorentina”

Kalinic in azione con la maglia viola

Intervista in esclusiva a Moreno Torricelli, che ci parla della Fiorentina, di Kalinic e del suo sostituto.

Quanto pesa la partenza di Kalinic?

Sicuramente pesa molto visto il valore del giocatore, che da subito ha fatto molto bene in Italia. È un giocatore che da solo riesce a fare reparto e vede la porta molto bene. Sostituirlo adesso è un problema, non so se sia possibile trovare un giocatore all’altezza

Per sostituire il croato è giusto puntare su Babacar o è meglio cercare un sostituto dal mercato?

Babacar conosce l’ambiente e i metodi di Sousa e ha grande qualità, quindi la Fiorentina potrebbe decidere di puntare su di lui per sostituire Kalinic.

Che ne pensa invece di Seferovic e Gabbiadini, i nomi che circolano con più insistenza per l’attacco viola?

Gabbiadini è sicuramente un giocatore importante, ha tanto talento e nonostante non abbia avuto la fortuna di sfondare a Napoli ha comunque messo in mostra le sue grandi qualità. Fra i due credo che Gabbiadini sia più pronto per la Fiorentina.

Se invece potesse suggerire un nome alla società? Chi proporrebbe?

È molto difficile, anche perché al momento non circolano grandi nomi per gennaio. La speranza è che si possa trovare un giocatore di una grande squadra che magari non ha spazio e decide di cambiare aria per giocare. Fare un nome però è davvero difficile, anche perché i grandi giocatori sono tutti in mano alle grandi squadre e quindi subentra anche il problema del costo del cartellino e dell’ingaggio. Non è facile trovare un nome all’altezza a gennaio.

Poteva far comodo Jovetic?

Per le qualità del giocatore sì, anche se non è una prima punta.

 

Che ne pensa della stagione della Fiorentina? Cosa è mancato ai viola?

Credo che alla Fiorentina sia mancata la continuità di risultati, non è riuscita ad ottenere quella serie di vittorie che l’avrebbe messa nel gruppo delle pretendenti all’Europa. Con la vittoria contro la Juve è tornata alla carica ed è a ridosso di quel gruppo, ora però serve dare continuità.

La Fiorentina può aspirare all’Europa League, considerando i ritmi che stanno tenendo Lazio e Milan?

Credo che la Fiorentina abbia le qualità per aspirare all’Europa League. Tutto dipende da lei e dalla continuità che riuscirà ad avere. Le qualità della squadra non si discutono, speriamo che la partenza di Kalinic non incida troppo. Sicuramente la vittoria con la Juventus è un buon punto di partenza, è un gran risultato che dà molta autostima ed entusiasmo.

Chiudiamo con un giudizio sui singoli. Qual è il giocatore che l’ha sorpresa maggiormente e quello che l’ha deluso?

Mi ha sorpreso sicuramente Chiesa. Non me lo aspettavo titolare subito alla prima di campionato, per giunta a Torino contro la Juve, e invece lui ha risposto alla grande e Sousa lo schiera sempre quando può. Sono invece rimasto deluso, viste anche le sue qualità, da Ilicic. E’ un giocatore di grande talento, ma è troppo discontinuo e non riesce a fare il salto di qualità.

Nato a Roma il 09/09/1995, è studente di lingue presso l’università “La Sapienza” di Roma. La sua grande passione è il calcio, quello vero, romantico e artistico. Ha collaborato con diverse redazioni sportive con un solo e unico obiettivo: farsi strada nel mondo giornalistico!

Commenta per primo

Lascia un commento