Asse Roma-Sassuolo: novità riguardo la trattativa Defrel

Defrel alla Roma? Il Sassuolo non cede!

Il giocatore neroverde è stato richiesto dalla società capitolina che ha identificato nel francese la pedina ideale per l’attacco. 

PERCHÈ DEFREL?

Gregoire Defrel (25) è l’obiettivo numero uno dei giallorossi per una lunga serie di motivazioni: il francese conosce bene la Serie A, ha grande tecnica e velocità e possiede la capacità di dare un forte ‘strappo’ alle partite; possiede, inoltre, quella duttilità necessaria che ben si adatta ai sistemi di gioco camaleontici di natura ‘Spallettiana’. Non è raro, per l’appunto, vedergli interpretare i più svariati ruoli con la stessa efficacia: esterno, trequartista, ala, seconda punta o centravanti (atipico), Defrel è un giocatore che farebbe comodo a qualsiasi allenatore per bagaglio tecnico-tattico e che ben si sposerebbe con l’organico della Roma.

LA TRATTATIVA

Nonostante la forte insistenza della Roma, il club patronato da Squinzi sembra non voler cedere di un millimetro. ‘Defrel rimane. Conta la nostra volontà, non la sua’ questo è, più o meno, il messaggio recapitato alla società capitolina che, ciononostante, non si arrende dinnanzi al muro posto in essere dai neroverdi.

La prima offerta della Roma raggiunge una cifra intorno ai 18 milioni che, tuttavia, non viene ritenuta considerevolmente valida per trattare la cessione del francese. Stando alle indiscrezioni ottenute da Sky Sport, il Sassuolo, però, non chiude le porte ad un’offensiva giallorossa, ma si limita a fare il proprio interesse, chiedendo un maggior contributo in denaro; i neroverdi, infatti, puntano a ricavare almeno 22 milioni dalla cessione del francese che, in Emilia, è considerato uno dei top player della rosa.

Ora le chiavi della trattativa sono in mano alla Roma che, sicuramente, tenterà in ogni modo di portare a casa il giocatore, magari con un piccolo sconto sulla cifra richiesta dal Sassuolo. Si continua a trattare, insomma, con la sensazione che il triangolo Sassuolo-Defrel-Roma continuerà a tenere banco ancora a lungo.

Nato a Rovigo il 17/12/1996. Studente di lingue, civiltà e scienze del linguaggio presso Ca’ Foscari (VE). Parlare di calcio – e tutto ciò che vi gira attorno – è la mia passione numero uno.

Commenta per primo

Lascia un commento