ESCLUSIVA CM24/7 – DS Foggia: “Serve un esterno offensivo. Per il 2017 spero i tifosi ci seguano in tanti. E su Pio e Amedeo..”

Il Foggia può essere considerata una delle squadre più importanti del girone C di Lega Pro ed è per questo che da una piazza del genere i tifosi e gli addetti ai lavori nutrono sempre numerose aspettative. Ecco perché, ai microfoni di calciomercato247, Giuseppe Di Bari, ds foggiano, ha risposto ai nostri dubbi tra mercato, campionato e conoscenze particolari.

Con l’arrivo di Di Piazza si chiude qui il mercato offensivo del Foggia? Si parla tanto di Russotto dal Catania..

“Di Piazza va a completare il reparto offensivo, considerando che Padovan è tornato alla Juve ed è stato girato al Pordenone. Con l’uscita di Letizia, servirebbe un altro esterno d’attacco. Russotto è un giocatore che ci interessa e che abbiamo già cercato in passato, ma non è il solo..”

Continuando il discorso su Di Piazza, secondo lei cosa apporta questo giocatore alla batteria di attaccanti del Foggia?

“Il calciatore ha delle caratteristiche particolari che nessuno aveva fino ad ora. Un giocatore veloce, con fisicità ma anche scatto. E’ un vero rinforzo insomma.”

Vendendo Riverola, a centrocampo reputate di dovervi muovere sul mercato?

“In realtà ci siamo mossi in anticipo acquistando Gaston Faber, un classe ’96 dall’Uruguay, e Francesco Deli, dalla Paganese, cercando di aggiungere degli under che vadano a colmare la vendita dello spagnolo.”

Parliamo del prossimo turno, contro la Virtus Francavilla: vincendo si dichiarerebbe il girone c una cosa a quattro squadre con Juve Stabia, Lecce e Matera. Delle tre chi teme di più?

“La partita di Sabato è fondamentale, contro una squadra molto competitiva che a prescindere avrà guadagnato tanto dopo questa stagione. Parliamo di una squadra carica e motivata, che ha vinto l’Eccellenza e la Serie D per arrivare a questi livelli. Per cui bisogna affrontarla con il massimo del rispetto. Per la corsa al titolo, temo tutte e tre le squadre, incluse Catania e Virtus, con tutte squadre che potranno dare del filo da torcere e non saranno delle squadre materasso.” 

Qual è quel fattore x per vincerlo questo girone C?

“In assoluto la continuità e quel pizzico di fortuna che fino ad oggi è mancato.”

Staccandosi dai discorsi del campo, Pio e Amedeo hanno risaltato in maniera esponenziale la figura del Foggia: lei li vede spesso allo stadio? Li conosce?

“Con loro c’è un bellissimo rapporto, li conosco da alcuni anni e stanno dando tantissima visibilità a Foggia essendo davvero i primi due tifosi del Foggia.”

Una speranza targata 2017 del Foggia? 

“Io voglio rivolgermi ai tifosi, chiedendogli di essere sempre allo stadio a supportarci, nei momenti belli ma anche in quelli meno belli, loro sono il dodicesimo uomo in campo. Non faccio promesse, ma mi auguro che si possa festeggiare qualcosa.”

Italiano attualmente in Spagna, a Siviglia. Cerco di seguire tutto quello che succede intorno al mondo del calcio, una mia passione innata. Unire le mie diverse esperienze e i miei viaggi con il pallone è qualcosa che mi riesce al meglio e che provo a mettere nelle mie parole.

Commenta per primo

Lascia un commento