Paloschi, sfida tra Sampdoria e Sassuolo. Ecco chi può farcela…

Paloschi in azione con la maglia dell'Atalanta

Il futuro di Alberto Paloschi è sempre più indecifrabile. Diverse squadre di Serie A si sono interessate al centravanti, senza però avviare mai una vera e propria trattativa. Nelle ultime ore, come riportato da La Gazzetta dello Sport, il giocatore avrebbe attirato l’attenzione della Sampdoria.

TANTE SQUADRE INTERESSATE

Diverse settimane fa il giocatore sembrava poter passare alla Lazio, dove sarebbe divenuto il primo sostituto di Immobile. Tuttavia questa ipotesi svanì facilmente, con la squadra biancoceleste che di fatto non intraprese mai dei contatti con il club bergamasco. Anche il Chievo tempo fa fu inserito tra le pretendenti. La società veronese avrebbe ben gradito sicuramente il ritorno del centravanti, il quale coi colori gialloblu ha saputo mettersi in mostra nel migliore dei modi, realizzando parecchi gol che gli permisero lo scorso anno di poter andare a giocare allo Swansea.

PRESENTE E FUTURO

Ad oggi invece le squadre più intenzionate nel volerselo portare a casa sono due: Sampdoria e Sassuolo. I blu cerchiati andrebbero a rinforzare un reparto già di per sé abbastanza completo. Paloschi potrebbe giocare in coppia con Quagliarella o con Muriel, due giocatori sufficientemente complementari al 27enne. Tuttavia bisogna aggiungere che il Sassuolo, nel caso dovesse cedere Defrel alla Roma, si precipiterebbe immediatamente nella trattativa. L’Atalanta è più che disposta a cederlo, ma ovviamente solo per cifre particolarmente interessanti. Probabile che negli ultimi giorni di mercato si instauri una vera e propria trattativa, ma per il momento bisogna monitorare la situazione in uscita sia della Samp, che del Sassuolo. I neroverdi potrebbero però presto farsi avanti per sostituire il quasi certo partente Defrel…

La prima parola uscita dalla bocca è stata ‘Calcio’. Milanese classe ’97. Seguace dei più grandi campionati europei, ma soprattutto amante dei settori giovanili ! ⚽️📝📲👍🏻

Commenta per primo

Lascia un commento