Il Calciomercato del Milan secondo CM24/7

Analizziamo i movimenti di mercato della compagine rossonera.

MOVIMENTI DI MERCATO UFFICIALI

  • ACQUISTI: Lucas Ocampos (a titolo temporaneo, 500.000 euro al Genoa), Gerard Deulofeu (a titolo temporaneo, 750.000 all’Everton), Marco Storari (a titolo temporaneo, 400.000 euro al Cagliari).
  • CESSIONI: Mbaye Niang (al Watford, prestito oneroso da 500.000 mila-1.000.000 euro) , Rodrigo Ely (al Deportivo Alaves, prestito oneroso da 1.200.000 euro), Giacomo Beretta (al Carpi, prestito oneroso da 450.000 euro), Gabriel (al Cagliari, prestito oneroso da 1.800.000 euro), Luiz Adriano (allo Spartak Mosca, a titolo definitivo per 5.000.000 euro), Michele Spinelli (rescissione contratto), Luca Vido (al Cittadella, prestito oneroso da 350.000 euro), Ivan De Santis (alla Paganese, prestito oneroso da 300.000 euro).

CHE COS’ERA NECESSARIO?

L’obiettivo primario del Milan era quello di trovare delle alternative a centrocampo e in attacco, ma anche cedere i vari esuberi della rosa.

ASPETTATIVE: SODDISFATTI O DELUSI? 

Diciamo che le aspettative dei tifosi rossoneri sono state soddisfatte: è arrivato Deulofeu, il tipo di giocatore che aveva chiesto Montella per il suo attacco, un giocatore che abbina corsa e razionalità e che può dare una mano sia in fase offensiva che in fase di ripiegamento. A lui aggiungiamo anche Ocampos, altro profilo utile per la fase offensiva della formazione rossonera, per ultimo l’arrivo di Storari come vice-Donnarumma. Per quanto riguarda il mercato in uscita missione compiuta per Galliani & Co.: il club ha saputo piazzare sul mercato i vari elementi finiti nel dimenticatoio ricavando capitali utili per la prossima sessione, da segnalare l’ “operazione Niang”: utile per portare a Milano Ocampos. Insomma, è stato un Milan capace di operare al meglio delle sue possibilità in quest’ultima sessione, Montella è stato accontentato su tutti i fronti e inoltre la compagine rossonera è riuscita a sfoltire la rosa. Profili importanti quelli che sono arrivati alla corte dell’allenatore campano che adesso può contare su due alternative in più per le gare future. Un mercato dunque che conquista la sufficienza piena.

VOTO:6

Classe 1996. Studente universitario appassionato di calcio giocato, parlato e scritto. Niente mi fa impazzire di più del vedere la palla in rete. Per me il calcio è come l’ossigeno: non posso vivere senza!

Commenta per primo

Lascia un commento