Il punto sulla 24esima giornata del Girone B di Lega Pro

Analizziamo partita per partita i risultati di questa 24esima giornata del Girone B di Lega Pro.

I RISULTATI DI GIORNATA

Il week-end calcistico del Girone B di Lega Pro si apriva Sabato alle 16:30 con l’anticipo tra Forlì e Sudtirol in terra romagnola. Questa sfida era molto delicata, soprattutto in ottica play-out. Le due squadre infatti erano quasi appaiate: i tirolesi a 24 punti, mentre i romagnoli a 23. Alla fine sono stati gli ospiti a spuntarla con il risultato di 1-3. Una vittoria che dà una grande boccata d’ossigeno al Sudtirol, mentre il Forlì ora ha soltanto un punto di vantaggio sulla zona play-out.

Il secondo match di giornata vedeva di fronte Reggiana e Modena. Il derby emiliano era stato anticipato alle 12:30 di Domenica per motivi di sicurezza. Sul campo ha avuto la meglio la squadra di Reggio Emilia, che si è imposta per 1-0. Il gol di Carlini ad inizio ripresa ha regalato i 3 punti, grazie ai quali la squadra di Menichini ha potuto superare il Pordenone. Il Modena rimane intrappolato nelle zone calde della classifica a 22 punti.

La domenica pomeriggio è proseguita poi con il solito orario delle 14:30 e si sono giocati 6 match. La capolista Venezia ha battuto, soffrendo molto, per 2-1 un ostico Ancona. La squadra marchigiana è passata in vantaggio già al 1′. I ragazzi di Inzaghi hanno raggiunto il pari prima al 50′ con Moreo, per poi agguantare il vantaggio a due minuti dalla fine con Marsura. I lagunari possono vantare 3 punti di vantaggio sull’inseguitrice Parma. L’Ancona invece dopo essere stata beffata nel finale, dovrà rimboccarsi le maniche per uscire dalla zona pericolosa dei play-out.

Teramo-Santarcangelo termina invece sull’1-1. I padroni di casa, in cerca di punti salvezza, non sono riusciti a battere i romagnoli. Anzi, hanno raggiunto il pareggio a tempo ormai scaduto. Gli abruzzesi con 20 punti in classifica possono ancora sperare, dato che la salvezza è soltanto a 3 lunghezze. Il Santarcangelo invece con 28 punti è in una posizione relativamente tranquilla di classifica.

Colpo esterno dell’Albinoleffe che espugna Mantova con il risultato di 1-2 e si aggiudica l’intera posta in palio. I mantovani dopo aver raggiunto il pareggio al 57′, si sono fatti subito risuperare al 65′ con il gol partita di Gonzi. Per il Mantova la classifica non sorride, anche se ancora nulla è compromesso. Mentre i bergamaschi al momento occupano il decimo posto, il primo per disputare i play-off, con 33 punti.

Vittoria esterna anche del Padova, che vince di misura a Macerata per 0-1. Il rigore di Russo al 50′ ha regalato i 3 punti alla squadra veneta. I biancoscudati si trovano al terzo posto, ad un solo punto dal Parma e -4 dalla capolista Venezia. La Maceratese invece ha bisogno degli ultimi punti per garantirsi la permanenza in Lega Pro. Con 27 punti e a +5 sulla zona play-out, la salvezza diretta sembra a portata di mano.

Lo scontro in piena zona play-off tra Gubbio e Feralpisalò premia i padroni di casa che vincono per 3-1. Due gol in venti minuti degli umbri hanno tagliato le gambe agli ospiti. Il gol di Guerra al 62′ aveva riaperto la partita, ma il sigillo finale dei locali al 90′ ha chiuso definitivamente il match. Le due squadre si trovavano appaiate a 35 punti, ora il Gubbio è salito a 38.

Un’altra squadra a 38 punti è la Sambenedettese che fa suo il derby marchigiano, battendo per 1-2 in casa il fanalino di coda Fano. I due gol in tre minuti della Samb hanno frastornato i padroni di casa, i quali erano riusciti a tornare in partita con il gol di Germinale al 30′. Fano sempre ultimo a 16 punti, ma che può ancora sperare dato che la zona play-out dista 4 lunghezze.

Il big match di giornata si giocava alle ore 18:30 allo Stadio Tardini  e vedeva di fronte Parma e Pordenone. La squadra di D’Aversa parte forte e già dopo 10 minuti passa in vantaggio con il gol di Scavone. I friuliani non ci stanno e pareggiano grazie allo sfortunato autogol di Frattali. Il rigore calciato da Arma infatti, dopo essersi scagliato sulla traversa sbatte sulla schiena del portiere parmigiano ed entra in rete. Il Pordenone a due minuti dalla fine del primo tempo passa addirittura in vantaggio con Misuraca. Quando la partita sembra ormai volgere al termine sul risultato di 1-2, arriva il pareggio di Munari. Al 93′ si compie addirittura il sorpasso del Parma con Calaiò, che in sforbiciata trafigge Tomei. 3-2 e partita finita. Ora il Parma si trova a 3 punti dal Venezia ed è la vera inseguitrice dal campionato.

Alle 18:30 si giocava un altro match ed era quello tra Bassano e Lumezzane. La partita è terminata 2-0 per i locali grazie ad un gol per tempo di Pasini e Grandolfo. Il Bassano sale così a 40 punti e mette in orbita il Pordenone a 42. Il Lumezzane invece dovrà lottare fino alla fine per cercare di uscire dalla zona play-out, dato che al momento ne è pienamente invischiata con 22 punti.

 

Nato a Lugo (RA) il 30/07/1993, laureato in Scienze Politiche e studente magistrale in Mass Media e Politica. Vivo, seguo e amo il calcio…ma non solo, perchè “chi sa solo di calcio non sa nulla di calcio”.

Commenta per primo

Lascia un commento