Eduardo riparte dall’Italia: è vicino al Latina

Il Latina si appresta a completare una grande operazione di mercato. Eduardo, attaccante brasiliano naturalizzato croato, è vicino a vestire la maglia nerazzurra. Il giocatore, dopo un esperienza biennale al Flamengo, si è svincolato dallo Shakhtar Donetsk.

QUEL MALEDETTO 23 FEBBRAIO 

Il nome di Eduardo è rimasto nella mente di molti appassionati per il tragico incidente del 23 febbraio 2008. Al secondo minuto di ArsenalBirmingham, in cui l’attaccante vestiva la maglia dei gunners, il difensore degli ospiti Martin Taylor entra in ritardo sul croato. È rottura di tibia e perone della gamba sinistra. Un infortunio che lo costringe a saltare gli Europei. Il mondo del calcio si stringe attorno al giocatore e, quasi, lo adotta. Rientra in campo con la squadra maggiore quasi un anno dopo, in una gara di FA Cup contro il Cardiff, in cui riesce a siglare una doppietta.

LO SHAKHTAR

Nel 2010 Eduardo firma con lo Shakhtar Donetsk, squadra che si è distinta negli anni per la capacità di far fiorire diversi talenti brasiliani. Tra ulteriori, piccoli, problemi fisici, non riesce a mantenere alte medie realizzative ma diventa presto un simbolo del club. Rimane cinque stagioni in Ucraina, dove mette a segno 29 gol in 133 presenze. Nel 2014 passa al Flamengo. In due anni colleziona 13 gol in 46 presenze. Nel 2015 fa ritorno allo Shakhtar. La prima stagione, con 18 gol in 41 presenze, è la più prolifica della sua carriera in Ucraina. Nella seconda mette a segno solo due reti.

ORA L’ITALIA?

Svincolatosi nel mese di gennaio, all’alba dei 34 anni, Eduardo è alle ultime stagioni della carriera. Ma è ancora affamato di gol. Secondo quanto riporta Il Messaggero, l’attaccante si troverebbe già in Italia per svolgere le visite di rito con il Latina. La prestazione sarebbe già fissata per lunedì.

18enne di Milano, sono un malato di calcio in tutte le sue sfaccettature. Adoro scrivere e scambiare opinioni sul mondo del pallone e, perciò, aspiro a diventare giornalista sportivo. Scrivo per le testate online di Calciomercato24/7, Breakingsport.it e Il Termometro Sportivo.

Commenta per primo

Lascia un commento