Un super Džeko affonda brutalmente il sottomarino giallo

Dzeko annienta gli avversari! La Roma si candida per la vittoria finale?

Analisi del match appena disputatosi tra Villarreal e Roma

SUPER DŽEKO

In una gara di Europa League che si preannuncia tutt’altro che scontata, è un indomabile Edin Džeko ad agire come ago della bilancia. Il bosniaco – ormai un giocatore completamente differente da quello visto la scorsa stagione – ha infatti disputato una partita sensazionale nella quale ha messo a segno un hattrick (tripletta, ndr), realizzando tre reti d’autore; se la Roma ha già i piedi agli ottavi di finale deve tutto al suo straordinario centravanti.

Nella maiuscola prestazione giallorossa di stasera, è giusto fare gli onori di casa ad un altro giocatore completamente rinato sotto la cura Spallettiana: Emerson Palmieri; il brasiliano si è rivelato una costante spina nel fianco dei padroni di casa e si è tolto lo sfizio di segnare una rete magistrale con uno splendido tiro ad effetto, di piede destro. Il suo goal, che ha innervosito e creato tensione negli avversari, ha poi dato il via alla debacle.

SOTTOMARINO AFFONDATO

Gli spagnoli hanno fronteggiato una squadra solida, affamata e cinica contro cui non hanno potuto nulla: la loro occasione migliore è nata nel secondo tempo, da una splendida iniziativa personale di Bakambu; tuttavia, per il resto dei 90 minuti di gioco, si può menzionare poco altro. La sensazione è che la manovra d’assedio dei padroni di casa non potesse in alcun modo scalfire il muro giallorosso e ciò ha debilitato non poco la compagine spagnola. Al ritorno la formazione di Escribà avrà quantomeno l’obbligo di disputare una partita onorevole al fine di risollevare il morale generale e di non tornare a casa con le ossa rotte.

OBIETTIVO EUROPA LEAGUE

La Roma, a differenza di altre squadre, pare aver preso sul serio la competizione e non ci sarebbe nulla di cui stupirsi se i giallorossi arrivassero fino in fondo: la squadra è apparsa forte e matura a sufficienza da potersi candidare a possibile vincitrice dell’Europa League, Manchester United permettendo.

Vincere un trofeo europeo sarebbe l’occasione migliore per iniziare ad imbastire nel club la mentalità vincente di cui tanto si discute nell’ambiente romanista.

Nato a Rovigo il 17/12/1996. Studente di lingue, civiltà e scienze del linguaggio presso Ca’ Foscari (VE). Parlare di calcio – e tutto ciò che vi gira attorno – è la mia passione numero uno.

Commenta per primo

Lascia un commento