Neymar, ricorso respinto. Ora rischia il carcere

Barcellona in crisi nera. Dopo la batosta in Champions League e la soffertissima vittoria contro il Leganés ottenuta al 90esimo su rigore, la stagione blaugrana rischia di complicarsi ulteriormente. Il campo, purtroppo per i raffinati piedi catalani, non c’entra. A tenere in ansia club tifosi è la questione Neymar. Il brasiliano è accusato infatti, insieme al padre, di frode fiscale e corruzione. Il ricorso presentato è stato respinto e il rischio di carcere ora sembra più reale che mai.

COLPA DI UN TRASFERIMENTO

Tutto nasce dal trasferimento di Neymar dal Santos al Barcellona. La discussa cessione ha tenuto banco per molto tempo, tornando in auge al momento del passaggio di Gabigol all’Inter per il quale il Barcellona lamentava l’infrazione della prelazione ottenuta con l’affare Neymar. L’affare fra Santos e Barcellona fu annunciato per la cifra di circa 57 milioni di euro. 40 sarebbero spettati alla famiglia del calciatore e i restanti 17 divisi fra la società brasiliana e il fondo d’investimento DIS che deteneva il 40% del cartellino del talento verdeoro.

A far scattare le indagini sono state le denunce del fondo stesso a causa di sospetti contratti nascosti fra le società. Indagini che hanno rivelato come il trasferimento fosse avvenuto sulla base di una cifra ben superiore a quella dichiarata. 83,8 milioni di euro la cifra in questione, al fine di aggirare proprio il fondo DIS.

Dalle indagini, all’accusa fino alla denuncia per frode fiscale e corruzione nei confronti del talento verdeoro e del padre-manager. Il recente ricorso di Neymar e padre è stato respinto dall’Alta Corte di Madrid. La condanna ora sembra corrispondere a una multa di 10 milioni di euro accompagnata da due anni di carcere. Sono stati inoltre respinti tutti i ricorsi presentati dalle parti in causa.

Il campo non c’entra. Problemi in vista per il Barcellona. Ma forse molto più gravi per Neymar e padre.

Nato a Milano il 09/09/1996. Studia Comunicazione e Società presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ambizioso, sognatore e amante di ciò che fa respira calcio da quando cammina. Calciomercato24/7 è la sua prima esperienza come collaboratore.

Commenta per primo

Lascia un commento