Dopo 1298 giorni Higuain torna nella “vera” Champions

Era il 30 aprile 2013, più precisamente il dodicesimo minuto del secondo tempo, quando Higuain lasciava il campo di Real Madrid – Borussia. Da quel giorno ne sono passati 1298 senza che Higuain abbia più disputato una gara della fase finale di Champions League. Da quel momento di cose ne sono cambiate davvero tante nel mondo calcistico e non, e questo discorso vale anche per il centravanti argentino. Quella di Higuain sarebbe stata una delle ultime gare con la maglia delle merengues. Di lì a poco il giocatore avrebbe salutato la Spagna per approdare a Napoli, alla corte di Rafa Benitez.

DUE CAMBI DI MAGLIA

In campania l’argentino rimarrà per tre anni dove collezionerà 146 gare condite con 91 reti segnate. Nell’ultima stagione a Napoli la punta riuscirà a stabilire il record di marcature segnate in Serie A (ben 36). In Europa però non sono stati così esaltanti i suoi risultati e in generale quelli di tutta la squadra. Il rimpianto più grande è sicuramente l’uscita dal girone di Champions nel primo anno in Italia, quando non bastarono i 12 punti conquistati e i suoi 4 gol messi a segno per arrivare a disputare gli ottavi di finale. In estate poi il cambio di maglia. Il giocatore lascia Napoli per la più fredda Torino, sponda bianconera, per cercare di vincere qualcosa di importante e per aiutare la Juventus a fare altrettanto.

1298 GIORNI… UN GIOCATORE DIVERSO

Nella giornata di oggi andrà in scena l’andata dell’ottavo di finale fra Porto e Juventus nel quale Higuain riprenderà quel filo interrotto 1298 giorni fa. Ora l’argentino ha 29 anni appena compiuti ed è nel pieno della maturità calcistica. Al contrario di 4 anni fa, ora di responsabilità ne molte di più, e non è più considerato solo un buon giocatore con ampi margini di crescita. Difficile che qualcuno 4 anni fa si sarebbe aspettato un evoluzione così importante per Higuain, che ora si colloca nella top 5 mondiale dei giocatori di quel ruolo. Ora inizia il bello della Champions e Higuain dovrà dimostrare di valere la cifra sborsata in estate dalla società torinese. Questo è la sua occasione per dimostrare che non è più la promessa di 4 anni fa. Questo è il suo momento.

Romano, classe 1998. Studente di Economia alla LUISS Guido Carli. Appassionato e innamorato di calcio, scrive approfondimenti e considerazioni sugli argomenti più disparati di questo fantastico “mondo”. Redattore per calciomercato 24/7, sogna una carriera nel giornalismo.

Commenta per primo

Lascia un commento