Real, la Liga è nelle tue mani

Il Real Madrid è in testa alla classifica della Liga con 52 punti. I Blancos dimostrano quest’anno di avere un eccellente affiatamento, merito del suo allenatore Zinedine Zidane. La marcia della squadra galactica parla chiaro: 16 vittorie, 4 pareggi e soltanto 1 sconfitta, numeri da capogiro che le permettono di essere al top del campionato spagnolo. Adesso andremo ad analizzare il rendimento e i prossimi scontri delle merengues, con particolare attenzione alle possibili sorti della Liga.

IL CALENDARIO

Nelle ultime 5 partite (compresa anche quella di Champions contro il Napoli) Zidane & Co. hanno confermato il trend positivo che sta mantenendo il Real in vetta. Dopo aver battuto a gennaio il Malaga i galacticos sono stati eliminati dalla Copa del Rey contro il Celta Vigo, un’ eliminazione che sembra aver fatto bene alla squadra. Successivamente le merengues non si sono più fermate mettendo in cassaforte le vittorie contro Real Sociedad ed Osasuna. In Champions nessuna distrazione: battuto per 3-1 il Napoli di Sarri senza deludere le aspettative. Dopo aver trionfato in Europa gli undici di Zidane hanno sconfitto con un secco 2-0 la compagine dell’Espanyol archiviando così altri tre punti fondamentali per il titolo. Adesso il Madrid è chiamato a compiere un’altra serie di risultati utili consecutivi e il calendario sembra riservare alcune insidie per il club più titolato di Spagna. La prossima sfida si giocherà al Mestalla contro una squadra relegata nella parte bassa della classifica: il Valencia. Partita non semplice su un campo difficile per la banda di Florentino Perez, che dovrà scendere in campo con il coltello tra i denti per guadagnare i tre punti. Dopo quest’impegno ostico il Real è obbligato a riconfermarsi al Madrigal contro il “Sottomarino giallo”: il Villarreal. Quest’ultima è stata travolta in Europa League dalla Roma, ma in Spagna la musica è un’altra: partita assolutamente da bollino rosso per Zizou che dovrà scegliere accuratamente la giusta strategia per arginare la formazione di casa. A marzo invece spazio ai match in casa contro Las Palmas ed Eibar, due incontri abbordabili prima degli ottavi di ritorno di Champions al San Paolo contro il Napoli.
Che dire, la strada per il Madrid comincia ad essere piena di ostacoli da superare. Al momento è in vetta alla classifica con un punto di vantaggio dal Barça e con due partite da recuperare, ma l’impressione è che il destino del campionato dipenda soltanto dalle sorti delle merengues. La parola chiave al centro sportivo di Valdebebas è vincere, vedremo se la formazione del tecnico francese riuscirà ad avere la meglio sui suoi avversari.

Classe 1996. Studente universitario appassionato di calcio giocato, parlato e scritto. Niente mi fa impazzire di più del vedere la palla in rete. Per me il calcio è come l’ossigeno: non posso vivere senza!

Commenta per primo

Lascia un commento