Fiorentina’s Karma

Avete presente la canzone vincitrice del Festival di Sanremo? Ecco, non potremmo utilizzare esempio migliore per descrivere l’andamento della Viola. Il cantante è Francesco Gabbani che, con la sua “Occidentali’s Karma”, ha spopolato sul web e sulla tv. Gabbani descrive la società di oggi offuscata dai social e dal web. Già, proprio il web: l’oppio in questo caso dei tifosi viola che hanno cercato rifugio dopo la batosta rimediata in Europa League. Citando sempre il testo del brano stavolta non c’è il Buddha in fila indiana, bensì i sostenitori gigliati infuriati con la società e con il mister portoghese Paulo Sousa. Adesso andremo ad analizzare la situazione della squadra che, in questo momento, avrebbe bisogno di qualche lezione in più di tattica, o meglio di nirvana.

AAA CERCASI

Cercasi…vi starete chiedendo: che cosa? La sfacciataggine e l’organizzazione che hanno caratterizzato Sousa & Co. nella stagione precedente. La Fiorentina viaggiava a ritmi altissimi mandando in visibilio tutti gli amanti del calcio, amanti che ancora non si spiegano la debacle sportiva di qualche giorno fa. La compagine del portoghese è sembrata propositiva ma anche molto fragile in fase difensiva. La sconfitta rimediata contro il M’Gladbach ha riportato a galla i limiti della compagine viola, limiti che, citando sempre Gabbani, fanno inciampare l’evoluzione tattica e i piani dei Della Valle. Firenze sembra essere in tilt, la piazza è asettica e i tifosi cercano anche una reazione in vista delle gare future, gare che potrebbero trasformarsi forse in delle conferme o in una crisi senza fine. Cercasi: alternative in ogni reparto. Pantaleo Corvino ha lavorato molto in sede di campagna acquisti, ma gli innesti trovati dal ds si sono dimostrati effimeri e adesso ne risente l’organico che, a parte Bernardeschi e Kalinic, non ha altri uomini chiave su cui appoggiarsi.

SPERASI (SPERA SI’)

Sperasi…in una svolta concreta entro la fine del campionato. Come avevamo già preannunciato l’aria nel capoluogo toscano non è delle migliori e il summit di ieri tra l’allenatore e i vertici della dirigenza è la dimostrazione concreta. L’idea è quella di andare avanti con il tecnico portoghese poiché la gestione confida in un nuovo inizio. Sperasi: in un sostegno degli ultras viola, ultras che sono stati protagonisti di una contestazione al termine dell’ultima partita. Insomma, non piovono gocce di Chanel sul centro sportivo gigliato, bensì critiche e scetticismi alimentati da un clima abbastanza surreale. Adesso i principali attori della vicenda sono obbligati a rispondere, aspettiamoci dunque degli scenari affascinanti nei prossimi giorni. Citando sempre Gabbani: “Comunque vada panta rei”.

Classe 1996. Studente universitario appassionato di calcio giocato, parlato e scritto. Niente mi fa impazzire di più del vedere la palla in rete. Per me il calcio è come l’ossigeno: non posso vivere senza!

Commenta per primo

Lascia un commento