Napoli, ora il Real fa ancora più paura

Alle soglie di un tour de force micidiale, che culminerà col match contro il Real, il Napoli perde in casa con l’Atalanta, lasciando emergere tutti i problemi che affliggono una squadra che sembrava perfetta.

Un brusco stop, una sconfitta che rende ancora più complicato il terribile tour de force che dovrà affrontare il Napoli nelle prossime settimane. L’Atalanta viene al San Paolo e s’impone sulla squadra di Sarri, facendo emergere gli evidenti problemi che spesso sono stati finora oscurati da giocate incredibili dei singoli. Una difesa inaffidabile, specialmente senza Koulibaly, una mediana di grandissima qualità ma di poca quantità e, soprattutto, la mancanza di una prima punta di peso. Le strepitose prestazioni di Mertens e Insigne su tutti avevano mascherato questi problemi, ma ora che anche loro stanno iniziando ad accusare la stanchezza, le difficoltà del Napoli iniziano ad emergere in maniera preoccupante. Sono stati sottovalutati gli evidenti cali di giocatori chiave come Hysaj, Allan e Jorginho, senza però prendere delle contromisure tattiche adeguate. La situazione ora scotta, considerando che nel giro di due settimane i partenopei si giocano l’intera stagione.

Semifinale di andata di Coppa Italia con la Juventus, spareggio Champions contro la Roma e infine ritorno degli ottavi di Champions League contro il Real Madrid. Questi gli impegni prossimi del Napoli, che non può pensare di affrontare questi scontri come ha affrontato l’Atalanta, perché ne uscirebbe con le ossa rotte. Dal punto di vista tattico serve fare qualcosa, anche magari qualche scelta forte, come pensare di lanciare Maggio al posto di un Hysaj disastroso per larga parte della stagione. Nonostante le grandi prestazioni di Zielinski, sembra di vitale importanza cercare di recuperare Allan quanto meno per la sfida col Real, e infine occorre lavorare sulla prima punta, rimettendo al centro dell’attacco quel Milik che a inizio stagione stava riuscendo a non far rimpiangere Higuain ai tifosi del Napoli.

In questa situazione, fa da sfondo una vicenda che sicuramente non aiuta la squadra: il confronto Sarri-De Laurentiis. Lo scontro tra le due figure principali della società ha sicuramente destabilizzato l’ambiente, creando una spaccatura tra la dirigenza e i tifosi, che si sono schierati apertamente con il tecnico. Il presidente dovrebbe, per il bene della squadra, fare un passo indietro e ricucire questa situazione che altrimenti nelle prossime settimane rischia di diventare irrecuperabile. Dalle stelle alle stalle: in poche settimane l’entusiasmo enorme che aveva accompagnato il Napoli a Madrid sembra essersi dissipato e con esso se ne sono andate via certezze e convinzioni che hanno lasciato spazio a dubbi e interrogativi. Così non c’è dubbio: il Real Madrid fa ancora più paura.

Nato a Roma il 09/09/1995, è studente di lingue presso l’università “La Sapienza” di Roma. La sua grande passione è il calcio, quello vero, romantico e artistico. Ha collaborato con diverse redazioni sportive con un solo e unico obiettivo: farsi strada nel mondo giornalistico!

Commenta per primo

Lascia un commento