Conte-Fabregas, i numeri danno ragione al tecnico

E’ oramai risaputo che l’allenatore italiano non stravede per il talento spagnolo. Fin dal suo arrivo a Londra l’ex CT della nazionale ha puntato sulla coppia MaticKantè per dare sostanza e geometrie al centrocampo. Una scelta che può far discutere vista la qualità dell’ex Barcellona, dotato di una tecnica e creatività da grandissimo. L’ultima prestazione contro lo Swansea, condita da un gol e un assist, potrebbe far storcere ancora di più il naso ai suoi estimatori. Fabregas merita un posto da titolare nella formazione Blues? La risposta giunge da una ricerca statistica effettuata dal blog Oulala.com.

I NUMERI

Il classe 1987 fino ad ora ha disputato dall’inizio solo 6 match, risultando però spesso decisivo. 3 gol e 7 assist sono il bottino fin qui collezionato dal ragazzo, numeri importanti visto anche il minutaggio limitato. I numeri prodotti dalla ricerca sopra citata appoggiano però in pieno le decisioni del mister. Il blog prende in considerazione le partite del Chelsea in Premier dal 2014, anno in cui è sbarcato il catalano. Prendendo in considerazione tale campione di partite, la differenza di rendimento della squadra con Fabregas in campo e non, è impressionante. Senza di lui la squadra ha viaggiato a una media di 2,7 punti a partita e una percentuale di vittorie dell’86%. Al contrario, nelle partite in cui è sceso in campo la media è stata di 1,8 punti e la percentuale di vittorie si è aggirata attorno al 52%. In particolare il dato più significativo è quello delle reti concesse. 1 gol subito in più a partita può essere strettamente collegato alla scarsa attitudine difensiva dello spagnolo. La scelta di Conte quindi è giustificata dall’importanza attribuita alla solidità difensiva nelle squadre da lui allenate.

Nato a Milano il 30/08/1997. Studente triennale in Economia e scienze sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Amo il calcio, che considero molto più di un semplice sport, un’arte, citando G.B. Shaw, “l’arte di comprimere la storia universale in 90 minuti”.

Commenta per primo

Lascia un commento