Il punto dopo la 27esima giornata del Girone C di Lega Pro

Il Girone C di Lega Pro inizia pian piano a delinearsi, con alcune squadre che, alla distanza, stanno dimostrando di reggere il colpo più di altre. La vetta infatti sembra ormai un discorso a due tutto “made in Puglia” con il Lecce ed il Foggia che probabilmente daranno scena ad una grande battaglia che si deciderà sul filo del rasoio.

Analizziamo gli ultimi risultati vediamo una sorta di specchio tra le due squadre: entrambe hanno infatti vinto 4 partite delle ultime 5 disputate ed hanno così sbaragliato la concorrenza. Nel Lecce stona la sconfitta di Caserta che sta però diventando un campo davvero difficile per molte squadre in questa seconda parte dell’anno. Il Foggia non ha invece retto nel derby contro il Taranto allo Iacovone, perdendo malamente 2-0 senza mai comandare realmente il gioco.

Terze a pari merito, Matera e Juve Stabia si ritrovano ai poli opposti: i lucani han perso malamente le ultime quattro partite e sembrano definitivamente crollati. Il Franco Salerno era considerato un fortino ed è diventata una caporetto dopo lo 0-4 del Siracusa che mette seri dubbi sulla tenuta atletica e fisica di quella che era la squadra con il miglior calcio di tutta la lega. La Juve Stabia invece, che soffre un po’ di pareggite casalinga( nelle ultime 3) sembra aver ritrovato la gamba per mantenere la posizione in vista dei playoff. Da tenere sott’occhio però la Virtus Francavilla che vorrebbe continuare a stupire con i suoi gioiellini Nzola ed Ayina. Dietro il Catania è sicuramente la squadra più attrezzata ed ha raggiunto un ottimo livello di calcio, ma Casertana, Fondi e Cosenza non sono da meno. Forse, nel borsino, i calabresi sembrano leggermente più in affanno. Chiude la zona playoff il Siracusa, che ha perso solo a Lecce nei match importanti.

L’Andria esce dalla zona playoff mentre dietro, in sei punti, c’è un vagone intero che lotta per la salvezza: se la Paganese con le ultime 3 vittorie consecutive si è tolta dalle zone calde, dal Monopoli sino all’Akragas ci sono solo sei punti, in cui si trovano anche Taranto, Messina, Reggina e Catanzaro. Il Taranto ha un calendario non impossibile dalla sua e potrebbe stupirci, mentre Messina e Monopoli sarà un vero e proprio crocevia della stagione. La Reggina sembra la più in crisi insieme all’Akragas, in grado però di uscire il coniglio dal cilindro( come la vittoria contro il Catania nel derby). Per Vibonese e Melfi ci vorrebbe davvero un gran finale, visti i 5 punti di svantaggio dalle altre.

 

 

Italiano attualmente in Spagna, a Siviglia. Cerco di seguire tutto quello che succede intorno al mondo del calcio, una mia passione innata. Unire le mie diverse esperienze e i miei viaggi con il pallone è qualcosa che mi riesce al meglio e che provo a mettere nelle mie parole.

Commenta per primo

Lascia un commento