De Boer sogna Barcellona, Kluivert “Perché no…”

Spesso il passo dal fallimento al successo è molto più breve di quello che si può pensare. Per informazioni chiedere a Frank De Boer. Dall’esonero nerazzurro al sogno blaugrana…

MARCA DIXIT

Qualche mese fa la bomba l’aveva sganciata il quotidiano spagnolo Marca. Frank De Boer inserito nella lista dei papabili sostituti di Luis Enrique dopo l’annunciato divorzio con il Barcellona a fine stagione. Un’ipotesi meno remota del previsto visto che FdB sembra risultare uno dei favoriti proprio alla panchina blaugrana. Nell’ultima settimana in concomitanza con il ritorno di Champions fra Barcellona e PSG, poi, ci ha pensato Patrick Kluivert, Direttore Sportivo dei francesi, ad alimentare una voce che sembrava assopita

Se Frank è l’uomo giusto? Frank conosce la filosofia del Barcellona ed è un buon tecnico. Quindi, perché no? Ma non esistono solo allenatori olandesi, ci sono grandissimi tecnici anche in altri paesi

Le dichiarazioni, riprese anche da calciomercato.com, dell’ex giocatore del Barcellona e compagno di squadra di De Boer proprio in terra catalana, rilanciano la possibilità di vedere sulla panchina blaugrana l’ex allenatore dell’Inter.

GRADITO RITORNO

Come ribadito da Kluivert, l’ambiente Barcellona è ben conosciuto da FdB che ha vissuto una parentesi importante con la maglia blaugrana e lui, per questo, potrebbe essere l’uomo giusto. 143 presenze fra il 1999 e il 2003 vincendo anche un campionato spagnolo al suo primo anno.

Tra i possibili sostituti di Luis Enrique, il Barcellona monitora fra gli altri Valverde (Athletic Bilbao) e Laurent Blanc, attualmente senza squadra.

Il passaggio da fallimento a successo è spesso breve. Chissà che per De Boer, il riscatto, non si tinga di blaugrana.

Nato a Milano il 09/09/1996. Studia Comunicazione e Società presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ambizioso, sognatore e amante di ciò che fa respira calcio da quando cammina. Calciomercato24/7 è la sua prima esperienza come collaboratore.

Commenta per primo

Lascia un commento