La SPAL batte il Cesena per 2-0: le pagelle del match

VOTO SPAL: 7 – Primo tempo poco brillante, ma i ragazzi di Semplici nelle difficoltà riescono a portarsi in vantaggio grazie ad un episodio. Nella ripresa i ferraresi gestiscono l’1-0 e con Mora chiudono la partita.

MERET: 6,5 – Il baby prodigio dell’Udinese è decisivo in due occasioni. Nella prima dice di no a Crimi da distanza ravvicinata. Nella ripresa nega la gioia del gol a Di Roberto su calcio di punizione.

BONIFAZI: 7 – Il classe 1996 si destreggia da veterano nella retroguardia di casa. Chiusure, anticipi ed uscite palla al piede. Le basi per diventare un grande giocatore ci sono tutte.

VICARI: 6,5 – Decisivo per ben due volte nella prima frazione di gioco. Prima una chiusura volante su Cocco, poi una seconda contro Panico. Freddo ed intelligente.

CREMONESI: 6 – Ordinato e pulito per quasi tutto il match. Ottimo anche in fase di impostazione.

LAZZARI: 6 – Parte forte i primi 20 minuti e per tutto il primo tempo è una costante spina nel fianco della retroguardia del Cesena. Cala un po’ nella seconda frazione.

SCHIATTARELLA: 7 – Quantità e qualità. L’angolo da cui scaturisce il primo gol viene da un suo inserimento palla al piede. Esperto nel gestire la palla quando la squadra è rimasta in inferiorità numerica.

CASTAGNETTI: 5 – Nota stonata del centrocampo spallino. Non riesce quasi mai a prendere in mano il pallino del gioco. Semplici decide poi di sostituirlo con Arini. (Dal 62′ ARINI: 6 – Entra e garantisce ordine)

MORA: 6 – Per il gol meriterebbe 7, per l’ingenuità del cartellino rosso 5. In totale ne esce una prestazione sufficiente.

COSTA: 6 – Non particolarmente brillante in fase offensiva. Merita comunque la sufficienza per la prestazione difensiva nel secondo tempo.

ANTENUCCI: 7 – Agisce da seconda punta al fianco di Floccari. Sblocca il match su palla inattiva.  (Dal 71′ SCHIAVON – 6 Dopo il rosso a Mora entra per dare sostanza al centrocampo)

FLOCCARI: 6 – Partita di sacrificio. Poco pericoloso sotto porta. Riesce comunque a creare vari grattacapi alla retroguardia cesenate. (Dal 86′ ZIGONI: SV)

SEMPLICI: 6,5 – Gestisce bene i campi. Sostituzioni azzeccate quando rimane in inferiorità.

VOTO CESENA: 5 – Quando la partita si fa dura il Cesena crolla mentalmente.

AGAZZI: 6 – Qualche buona uscita, incolpevole sui gol.

DONKOR: 6 – Buona partita, ottime chiusure sugli attaccanti della SPAL. Disattento in occasione del 2-0.

RIGIONE: 6 – Qualche sbavatura, ma nel complesso buona gara. (Dal 81′ LARIBI: 6 – Con poco tempo si muove bene e arriva anche al tiro. Qualche buona incursione).

LIGI: 5,5 – Spesso impacciato. Sbaglia molto in fase d’impostazione.

DI ROBERTO: 6 – Buon primo tempo, tanta corsa sulla fascia. Nel secondo tempo va in confusione come tutta la squadra e sbaglia tanti appoggi. Meret gli toglie il gol su una grande punizione.

KONE: 5,5 – Primo tempo di sostanza. Va in confusione con tutta la squadra nella ripresa e sbaglia moltissimo.

SCHIAVONE: 5 – Ordinato nel primo tempo, ma niente di più. (Dal 57′ GARRITANO: 5 – Non entra mai in partita).

CRIMI: 6 – Ottimo primo tempo, molta cattiveria. Poco preciso nella prima frazione di gioco davanti a Meret, nell’occasione che poteva sbloccare il match. Cala nella ripresa, quando si sposta davanti alla difesa.

RENZETTI: 5,5 – Partita in ombra, non entra mai nel vivo del gioco (Dal 66′ RODRIGUEZ: 5 – Nonostante i molti lanci verso fine gara, e nonostante la sua altezza, non ne prende una di testa).

PANICO: 5,5 – Primo tempo propositivo, si muove molto nella difesa avversaria. Non si vede nella ripresa.

COCCO: 5 – Impalpabile. Corre poco e vince pochissimi duelli. Nervoso nel finale. Giornata no.

CAMPLONE: 5 – Imposta bene la partita, ma la sua squadra crolla alla prima difficoltà. Si fa espellere per proteste sul primo gol, testimoniando mancanza di serenità all’interno del gruppo.

Nato a Lugo (RA) il 30/07/1993, laureato in Scienze Politiche e studente magistrale in Mass Media e Politica. Vivo, seguo e amo il calcio…ma non solo, perchè “chi sa solo di calcio non sa nulla di calcio”.

Commenta per primo

Lascia un commento