Guida alla Viareggio Cup 2017!

Ci siamo, inizia oggi una delle più importanti competizioni di calcio giovanile, la Viareggio Cup o anche Coppa Carnevale. Tra una passeggiata al mare ed un drink sul lungomare della città toscana, viste le temperature, andiamo a scoprire la formazione dei gruppi e dei gironi del torneo, che come ogni anno non smetterà di regalarci emozioni.

IL REGOLAMENTO

Il regolamento della competizione è molto semplice: 10 gironi divisi in Gruppo A (dal numero 1 al 5) e Gruppo B (dal 6 al 10). Passano le prime 10 di ogni girone più le 6 migliori seconde, che formeranno gli ottavi di finale. La finale è in programma Mercoledì 29 Marzo allo Stadio Bresciani di Viareggio.

LE SQUADRE

GRUPPO A 

G1: Juventus, Dukla Praga(CZE), Toronto(CAN), Maceratese.

G2: Atalanta, Osasco(BRA), Abuja(NIG), Ancona.

G3: Empoli, Zenit(RUS), Athletic Union(USA), Ascoli.

G4: Inter, Pas Giannina(GRE), L.I.A.C New York(USA), Spal.

G5: Bologna, PSV(NED), Sassuolo, Pisa.

Apre i giochi la vincitrice del 2016 Juventus, in campo quest’oggi all1 15:00 contro i cechi del Dukla Praga, novità dell’anno. Attenzione anche alla semifinalista Inter.

 

GRUPPO B

G6: Napoli, Camioneros(ARG), Rappresentativa Serie D, Bari.

G7: Milan, Belgrano(ARG), Ujana(RDCongo), Spezia.

G8: Fiorentina, Cai(ARG), Garden City Panthers(NIG), Perugia.

G9: Genoa, Bruges(BEL), Cagliari, Parma.

G10: Torino, Rijeka(CRO), Cortuluà(COL), Reggiana.

Occhi puntati sullo Spezia, altra semifinalista dello scorso anno, e sul Milan, che da sempre possiede uno dei migliori vivai in Europa. Tanta curiosità nel vedere il lavoro di Malu Mpasinkatu, ds dell’Ujana, che partecipa anche quest’anno al torneo, ed alla Reggiana, che non ci partecipava da ben 13 anni.

 

 

 

 

 

 

Italiano attualmente in Spagna, a Siviglia. Cerco di seguire tutto quello che succede intorno al mondo del calcio, una mia passione innata. Unire le mie diverse esperienze e i miei viaggi con il pallone è qualcosa che mi riesce al meglio e che provo a mettere nelle mie parole.

Commenta per primo

Lascia un commento