Roma – Lione: serve una notte “magica”

La partita di stasera si appresta ad essere la più importante della stagione giallorossa. Roma che ha trovato la vittoria dopo 3 sconfitte consecutive e adesso è chiamata a rialzarsi e capovolgere il risultato in uno Stadio Olimpico tutto esaurito.

COME POTREBBERO PRESENTARSI I FRANCESI A ROMA

In questo periodo storico, il calcio praticato dagli allenatori francesi si contraddistingue per lo sfruttamento prevalente delle corsie esterne. Un 4-3-3 che diventa 4-2-3-1 con l’ausilio di un giocatore più offensivo che si inserisce dal centrocampo.

Bruno Génésio opta per uno schieramento incentrato su questi principi di gioco. Tuttavia, nel corso della stagione ha provato per qualche gara un 3-5-2 o 4-3-1-2 in grado di poter far coesistere i due talenti più cristallini della sua rosa. Vale a dire Alexandre Lacazette e Nabil Fekir. Il centrocampo a tre, che sia col vertice avanzato o meno, è comunque diventato imprescindibile. Tolisso e Gonalons a rappresentare i due elementi di maggior valore del reparto; dietro c’è l’esperienza di Nicolas N’Koulou e dell’ex giallorosso  Yanga-Mbiwa, che però sono stati soppiantati nell’ultima gara dal talento di Emanuel Mammana e da Mouctar Diakhaby, entrambi classe 1996. Il Lione arriverà alla partita di stasera con il tentativo di annullare la quadra di Spalletti, mantenere il vantaggio creatosi nella gara d’andata e provare a far male nelle ripartenze.

ROMA: SERVE UNA GARA PERFETTA

In una notte da campioni, servirà la partita dei campioni. Spalletti lo sa e questa sera schiererà la formazione più affidabile ed offensiva. Con ogni probabilità verrà accantonato il 3-4-2-1 degli ultimi mesi per dare spazio al 4-2-3-1. Ma al di là del sistema di gioco, servirà la cattiveria, la forza e la voglia di spaccare il mondo e di riprendersi un risultato tutt’altro che impossibile. Spinta dal pubblico di casa, questa sera, la Roma ha il compito di capovolgere il confronto e vincere il duello. Il tecnico toscano ritrova Rudiger dopo la squalifica e avrà a disposizione anche Peres, Emerson e Perotti. Ma solo l’ex Genoa dovrebbe partire dal primo minuto, nel trio di trequartisti alle spalle di Dzeko. Ballottaggio comunque aperto con El Shaarawy. De Rossi e Strootman giocheranno in mezzo al campo. Difesa a quattro, con Rudiger, Manolas, Fazio e Mario Rui a comporre il pacchetto arretrato davanti ad Alisson.

PRECEDENTI

Oltre al match d’andata, c’è un solo, storico, doppio precedente tra Lione e Roma: quello del 2006/2007, in cui i giallorossi, dopo lo 0-0 dello Stadio Olimpico, vinsero 2-0 alla Gerland con i gol di Francesco Totti e Mancini, qualificandosi per i quarti di finale di Champions League.

PROBABILI FORMAZIONI Roma (4-2-3-1): Alisson; Rudiger, Manolas, Fazio, Mario Rui; De Rossi, Strootman; Salah, Nainggolan, Perotti; Dzeko. Allenatore: Luciano Spalletti.

Lione (4-3-3) : Lopes; Jallet, Mammana, Diakhaby, Morel; Tolisso, Gonalons, Tousart; Fekir, Lacazette, Valbuena. Allenatore: Bruno Génèsio.

Commenta per primo

Lascia un commento