Milan-Genoa, per ripartire: la preview del match

Dopo le infinite polemiche post Juventus-Milan, i rossoneri tornano in campo e ricevono un Genoa ferito dalla sconfitta nel Derby della Lanterna e dalla pesante contestazione dei suoi tifosi a causa dei numerosissimi punti persi negli ultimi mesi.

COME ARRIVA IL MILAN

Tanti problemi per Montella che non può permettersi di perdere ulteriore terreno dalla zona europea e deve mettere pressione all’Inter, distante al momento 4 punti. Contro il Grifone si può soltanto vincere, e il Diavolo dovrà farcela in condizioni non proprio idilliache: oltre agli infortunati Abate, Montolivo, Bonaventura e Suso, dovrà fare a meno anche degli squalificati Romagnoli, Sosa e Bacca.

Solito 4-3-3 per Montella, con Donnarumma tra i pali, De Sciglio e Vangioni sugli esterni, la coppia ZapataPaletta al centro della retroguardia. A centrocampo, con Kucka e l’ex della partita Bertolacci, spazio a Mati Fernandez. In avanti, tridente obbligato composto da Ocampos, Lapadula e Deulofeu. Lo spagnolo non è più una sorpresa, sebbene fin qui abbia segnato un solo gol. Ocampos è in netta crescita ma deve ancora fare il salto di qualità che ci si aspetta da lui ormai da anni, mentre Lapadula si riaffaccia alla titolarità dopo tre mesi esatti. Montella si aggrappa a questi giocatori, nella speranza di superare anche questo bivio, facendo un passo importante verso l’Europa.

COME ARRIVA IL GENOA

La squadra di Mandorlini proverà a dimenticare la sconfitta nel Derby: a prescindere dai 14 punti di vantaggio sul terzultimo posto occupato dal Palermo, servono punti per il morale e per l’ambiente. Out Burdisso, Perin e Miguel Veloso. L’allenatore emiliano dovrebbe nuovamente giocarsela con il 3-5-2 con Lamanna tra i pali, il trio Izzo-Gentiletti-Munoz dietro, Taarabt e Laxalt esterni a tutto campo. I tre Hiljemark, Cataldi e Cofie a presidio della mediana. Davanti la coppia Simeone-Pinilla per provare a far male al Milan.

I PRECEDENTI

Nella gara di andata non ci fu storia. Il Milan, nonostante i diversi risultati utili consecutivi e dopo aver ottenuto lo scalpo della Juventus sette giorni prima, fu letteralmente annichilito da un Genoa perfetto. Il risultato finale fu 3-0 per i rossoblù firmato Ninković, Kucka (nella porta sbagliata) e Pavoletti. Andando indietro di un anno, troviamo una posta in palio perfettamente divisa, con entrambe le squadre ad avere la meglio, nel doppio confronto, all’interno delle mura amiche. A Marassi terminò infatti 1-0 con la marcatura di Džemaili. A San Siro invece i rossoneri ebbero la meglio per 2-1 grazie ai gol di Bacca e Honda, che resero inutile quello dell’ex Cerci. L’ultimo pareggio risale alla stagione 2013/2014 (reti di Kakà e dell’ennesimo ex Gilardino).

LE PROBABILI FORMAZIONI:

Milan (4-3-3): Donnarumma; De Sciglio, Zapata, Paletta, Vangioni; Kucka, Bertolacci, Mati Fernandez; Ocampos, Lapadula, Deulofeu. Allenatore: Montella.

Genoa (3-5-2): Lamanna; Izzo, Gentiletti, Munoz; Taarabt, Hiljemark, Cataldi, Cofie, Laxalt; Simeone, Pinilla. Allenatore: Mandorlini.

Commenta per primo

Lascia un commento